quando a 50 anni devi reinventare la tua vita

ho sempre avuto molta creatività, sempre mi è piaciuto veder nascere oggetti da cose che apparentemente erano da buttare, riciclare, riusare, rielaborare cose da materiali in disuso oppure creare dal nuovo…… oggi guardo tutte le mie cose, i miei materiali creativi, le cose che non ho buttato per l’idea che potrebbero avere un’altra destinazione e …… mi sento come quelle cose ….

Non so se vi è mai capitato ma … ho vissuto gia la gran parte della vita, i miei figli, il mio lavoro….. ma poi tutto cambia, i figli crescono ed il lavoro sparisce e ….. chiedimi chi sono?? e cosa faccio?

Oggi creo come creavo ieri, ma ieri era per passione, per hobby oggi dovrei farlo per lavoro …… Lavoro??? ma come si fa a trasformare un hobby in lavoro?? io ci provo, ci provo ma non riesco … mercatini? troppi costi e pochi incassi. On linee? Non riesco a capire come fare. Circolo di influenza? Oltre la famiglia (  piccola) non resta quasi nessuno ….. e quindi?? Continuo a pensare ed a cercare risposte … appena le trovo ve lo faccio sapere, intanto, se avete qualche idea per favore …. sono tutt’orecchi 🙂

per dire buonanotte

L’ora più bella della giornata per me è questa. Potremo dire tarda notte o per qualcuno mattina presto, in ogni caso è quel momento in cui la vita rallenta, la famiglia dorme, la casa, il cane, tutto dorme, poche auto in lontananza, il momento in cui si resta soli con il solo rumore di se, del proprio respiro e del proprio pensiero ed in questo caso del tic tic delle unghia sulla tastiera 🙂 .
Questa è l’ora per me di tirare le somme della giornata trascorsa, di quel che ho fatto e quel che è rimasto indietro, riflettere su come mi sono sentita, pensare alle cose belle e quelle meno tirare le somme e voltare pagina.
Un rapido passaggio mentale a quel che devo fare domani ( o più tardi), un pensiero alle persone che amo chiudo tutto e sulla casa cala la notte, quella vera, non quella dell’orologio che ormai è già inoltrata, ma quella della mente. E’ giunta l’ora del riposo, spengo il pc ma prima …… buonanotte e sogni d’oro a tutti

voglio spiegare …

a proposito questi eravamo noi a settembre dello scorso anno

a proposito questi eravamo noi a settembre dello scorso anno

In questi mesi sono stata ibernata, su questo blog non ve ne sarete accorti visto che siamo in pochi ancora,ma voglio spiegare anche qui il perché del mio allontanamento coatto dal web. Purtroppo la scorsa primavera la mia famiglia si è imbattuta in un male ormai diffusissimo, il tumore,e quando una persona si ammala, si ammala con lei tutta la famiglia. Da quel momento tutto ha cominciato a girare solo ed esclusivamente intorno a quello che noi credevamo un mostro, e che sicuramente lo è ma … aspettate e capirete che per noi il mostro vero è stato un altro.

Dopo un periodo vorticoso e frenetico di controlli, indagini e quant’altro siamo arrivati ad una diagnosi che se pur grave e dura pareva essere, tutto sommato, meno peggio di quanto avevamo temuto. Tutti i dottori erano d’ accordo sul fatto che con un intervento  abbastanza frequente e “relativamente  semplice”  nel giro di una 20ina di giorni l’allarme rosso sarebbe rientrato e l’ipotesi di una vita normale ( ovviamente con le dovute cautele e controlli periodici del caso) sarebbe divenuta realtà. In quel periodo un medico chirurgo amico di famiglia ci aiutò molto nel seguire l’iter medico e di preparazione e cosi quando si trattò di definire, decidere dove chi e quando  avrebbe dovuto operare ci rivolgemmo a lui per chiedere aiuto. SI aiuto, perché quando una bestia feroce ti appare d’improvviso davanti,  se vicino a te c’è un cacciatore l’unica cosa che pensi di fare è chiedere aiuto a lui.

Eravamo giunti ad agosto ( vi lascio immaginare come ) e cosi dietro consiglio “dell’amico dottore” si decise chi doveva fare l’intervento e dove. Andammo a conoscere il  chirurgo che avrebbe eseguito  l’intervento il quale ci rassicurò molto e fissammo con lui la data del ricovero,  il 19 settembre e dell’intervento il 21.

Da quel momento è successo di tutto. L’intervento è andato bene ma dopo qualche giorno non si è capito più nulla. Abbiamo vissuto con la morte addosso ed è stato in quel momento che abbiamo conosciuto un vero e feroce mostro che  possiamo chiamare incompetenza, negligenza o forse peggio, denaro. Ancora oggi non sappiamo il  perché di tutto quanto accadutoci, la clinica lo sa, forse il chirurgo e sicuramente Dio ( io sono credente)  che ci è stato vicino, ci ha tenuto in piedi e ci ha aiutato a superare tutto, che ci ha dato la forza, quando non ne avevamo quasi più,di prendere un grande, enorme rischio e di cercare un serio aiuto; e cosi è stato che le mani di nostro Signore si sono incontrate con quelle di un bravo chirurgo in una clinica seria con uno staff di tutto riguardo.  Finalmente dopo un anno posso dirvi con gioia che é tutto finito,che sicuramente avremo ancora modo di incontrare medici, chirurghi e quant’altro ma stiamo bene tutti  (ammaccati ma vivi) con la voglia di guardare avanti  con maggiore forza e coraggio perché la vita è un dono prezioso e va vissuta ogni giorno fino in fondo e che quando la stai  perdendo ti accorgi di quanto veramente vale . Ma dalle cose brutte, come diceva De André ( dal letame nasce un fiore),  nasce sempre qual’ cosa di buono e di questo ne parleremo la prossima volta … 😉

 

 

 

 

Finalmente primavera … voglia di nuovo – usciamo dal letargo –

Da circa un mese è iniziata la primavera, ma solo da pochi giorni si comincia veramente a sentire l’aria frizzante che  dà energia, il venticello che  accarezza, il sole tiepido che comincia a scaldare… Era ora direi!!! Non se ne poteva proprio più del vento gelido, la neve, la pioggia ed il frrredddoooooo . Finalmente E’ primavera !

Non vi capita in questa stagione di sentire la voglia di qual’cosa di nuovo? un nuovo look? un nuovo taglio? ridare vita al giardino o al balcone? alla casa? ma sopratutto, non avete anche voi la voglia di far risvegliare quella pelle del viso e del corpo  aggredita e maltrattata dall’inverno? ed i capelli? e poi … tempo di cerimonie… ne vogliamo parlare ??!!

 Insomma ” USCIAMO DAL LETARGO”  e diamoci da fare che l’estate ci aspetta 😉 .

Bene di tutto questo parleremo nei prossimi post.  nuove idee e nuove cose. Nuove creazioni per voi e per i vostri bambini, nuova linea  “ecobio” per trattare il nostro corpo con  rispetto, nuove idee bijoux sempre unici e personalizzabili e sempre sempre sempre Eco  Perchè belle e trandy si ma  rispettando l’ambiente che è il nostro futuro ed il portafogli che ultimamente per tanti è leggerino 😉

Quindi ricapitolando, tante saranno le cose di cui parleremo nei prossimi post e per non perdervi niente … restate connessiiiiii Continua a leggere

Contraddizione… io …..

Eppure, mi dico sempre, ci sarà un momento in cui qualcuno prenderà la responsabilità di decidere e farsi carico dei propri punti di vista, il momento in cui  le persone intorno non lasceranno a me o a te L’onere della scelta, della decisione. Certo che è bello decidere, scegliere, per se stesso e per gli altri, o forse no?? E  lo sapevo, c’è la fregatura … le persone che scelgono sono quelle che sbagliano, che si mettono in gioco, quelle che vengono criticate e condannate, quelle a cui si può dire HAI SBAGLIATO!! Nascondendosi dietro la neutralità  che non è altro  che l’aspetto più subdolo della codardia ….

La neutralità non esiste, è solo un modo per non esporsi lasciando agli altri l’onore di subire la critica il giudizio e la condanna …

Si pensa che chi guida e decide sia forte, sia immune e  schivo alla sofferenza che il ruolo impone, dalla solitudine dalla non condivisione …. tutti son pronti a condividere con te le cose belle, quelle che fanno star bene, il sorriso, la festa, ma davanti al plotone di esecuzione sei sempre soloi ….

Poi guardi avanti e vedi niente, la corazza che hai indosso impedisce al calore di passare, ma puoi toglierla?? Se la togli il mondo può farti male, le tue ” persone ” possono farti male, la vita può farti male, e cosi …. resti li chiuso nella tua corazza, farfalla delicata, colorata ,leggera e viva ,ma che nessuno riesce a vedere, nascosta nel ferro duro, rigido  ed arrugginito , freddo di dolore e lacrime nascoste, di sofferenze inespresse e di amore celato al mondo .

Ho tolto la corazza, ho permesso al mondo di vedere la farfalla nell’armatura, e mi hanno toccato le ali  ed ora sono ferita, a terra, incapace di volare, di vedere, di vivere, cieca al futuro, colpita dal presente, lontana dal passato … agonia in attesa….. ma in attesa di cosa?

La polvere magica tornerà e mi permetterà di volare, ma dove?? Ma ovvio ancora nell’armatura, come faccio a volare nel mondo se il mondo mi tocca le ali e mi lascia a terra esanime senza neppure rendersene conto ….. volerò ancora nella mia armatura in cerca dei colori e della vita, in cerca di scoprire domani senza mai oltrepassare il ferro, con la maschera dura , il cuore a colori e la voglia di volare ………

Susy

 

Ciclo Riciclo TIriciclo !!

oh mio Dio !!!!!       Mammamia !!!   Non se ne può più!!  E’ un’invasione!!!  Dove andremo a finire??!!    Ecco alcune affermazioni della mia famiglia  quando apre  mobili, le ante del ripostiglio o si guarda intorno, Perchè??? semplice, non butto via nulla; Attenzione, non sono un’accumulatrice compulsiva ( o almeno credo 😉 ) semplicemente credo che se ognuno di noi imparasse che riutilizzare, recuperare, riciclare , il nostro pianeta avrebbe vita più lunga, i nostri figli, nipoti etc una qualità di vita migliore, vivremmo in città più pulite dove la creatività sarebbe una collettiva ricchezza e sarebbe costantemente stimolata, fruibile a tutti . Avete mai pensato a quanta emozione dà vedere un vecchio e logoro oggetto tasformarsi davanti a voi, prendere nuove sembianze e rinascere a nuova vita con una nuova utilità?? Sicuramente è bello fare shopping ma se di tanto intanto pensiamo che oltre a comprare possiamo  ” creare” ??e’  una cosa cosi brutta ?? Proverò a darvi qualche  idea, mostrarmi cose che faccio  ed anche idee prese dal web, e se anche voi avete idee e consigli su come e cosa recuperare, riciclare e ricreare …….. coraggio , fatevi avanti !!